AGR Donate 

AGR Web

Quotidiano Multimediale


AGR Video on Line
X Municipio, in funzione il Tritovagliatore
Ostia, torna a splendere la Rotonda
Panda Raid 2019, dopo 11 anni per la prima volta un Team Italiano sul Podio
Panda Raid 2019, iniziata l'avventura per la Panda romana del Team XXX Zero
Ostia: incendio Pineta di Castel Fusano, Acilia: in fiamme gli argini del Tevere
Ostia, le ruspe aprono la strada...ad un nuovo lungomare
Acilia Nord, un quartiere dimenticato!!!
Acilia Nord, i cittadini denunciano lo stato di abbandono del quartiere
Municipio X rivoluzione in arrivo nella raccolta differenziata
Panda Raid 2018 - Da Madrid a Marrakkech con una vecchia Panda del Nonno
Notizie
Link Utili


 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

Aruba.it Business Partner

  

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI

Notizie Regionali
Area Riservata
Login:
Password:
AGR Partner

intopic
Regione: Lazio    Sezione: AGR - Cronaca5/13/2019 1:20:00 PM

Ostia, il mare avanza, gli stabilimenti resistono

Il caso della Nuova Pineta e Pinetina spiaggia di levante ridotte alla metà. Petrini: andiamo avanti e continuiamo a garantire servizi di qualità



(AGR) Inizia tra mille difficoltà la stagione balneare. A levante l'erosione ha aperto squarci preoccupanti nel tessuto sabbioso del litorale.“Tutti i giorni scrutiamo il mare, con una certa apprensione ascoltiamo le previsioni e continuiamo con fiducia a lavorare”. E’ la confessione di Franco Petrini, titolare della “Nuova Pineta” e “Pinetina”, una delle spiagge più belle di Ostia, costretta a ricominciare daccapo, ogni anno. “Con quello che è riuscito a scampare alle mareggiate siamo in grado ancora di dare un servizio di qualità ai nostri clienti, certo…avremmo sempre voluto fare di più e migliorare ma con una spiaggia ridotta della metà e le cabine ridotte ad un terzo (da 450 a 150) è difficile programmare il futuro. Il ripascimento era necessario ed indispensabile già alcuni anni fa, oggi la situazione è disperata sul fronte sabbia, ma non vogliamo lamentarci, abbiamo preferito tirare su le maniche e riparare i guasti provocati dal mare, proponendo sempre un servizio di qualità”. La Regione aveva appaltato due anni fa un nuovo intervento di ricostruzione dell’arenile nel tratto di lungomare compreso tra il canale dei Pescatori e lo stabilimento “Venezia”, per una spesa di circa 6 milioni di euro. Assegnati i lavori, la macchina del ripascimento si blocca, la Regione prende tempo poi, all’inizio dell’anno stanzia 2 milioni e mezzo per la somma urgenza dei lidi più esposti, la palla passa ai comuni e per quanto riguarda Ostia, la patata bollente arriva negli uffici del X Municipio.

“La Regione ha avuto un ripensamento sul progetto di ricostruzione degli arenili che aveva approvato – spiega Franco Petrini – in quanto, il posizionamento di nuove scogliere a protezione anche di questo tratto di mare, così come fatto vent’anni fa nel lungomare antistante il centro di Ostia avrebbe provocato, secondo alcuni tecnici, a monte, nuovi processi erosivi. Oggi però una decisione non si può più rinviare, siamo orgogliosi del nostro lavoro e di quanto riusciamo a fare, ma la situazione oramai è al limite”.  La Nuova Pineta è uno stabilimento ridotto alla metà che paga un canone esagerato, forse il più alto tra tutti quelli previsti sul litorale romano. “Paghiamo 197 mila euro di canone – afferma Petrini – abbiamo chiesto la riduzione del canone alla metà, compresa AMA ed ICI. Il nostro è un “canone pertinenziale” che riguarda tutte le strutture presenti sui due stabilimenti, ieri tra bar e ristoranti erano quattro, oggi sono ridotti a tre, sino a qualche anno fa, il sabato e le domenica potevamo ospitare 8 mila persone, oggi non possiamo andare oltre i 2 mila”.

“Siamo pronti a collaborare alle spese. – aggiunge Franco Petrini – ma devono metterci in condizioni di lavorare. Per esempio, avevo proposto la creazione tra i balneari di Ostia di un consorzio che acquistando una draga ed una pompa poteva operare lungo la costa e risistemare, durante il periodo invernale la batimetria dei fondali, andando a recuperare la sabbia laddove la corrente la trascinava e riportandola sulle spiagge. In questo modo, un eventuale intervento di ripascimento morbido poteva durare a lungo, fino a 6-7 anni prima di dover, di nuovo, procedere al riporto di arenile. A questa proposta nessuno ha risposto”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Autore: AGR: EB - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR 

L'Informazione che rompe il silenzio

"Partecipa anche tu, con un piccolo contributo,

affinchè l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti"

AGR TV la Tv a portata di Click

AGRTV Live

 

 AGR

L'informazione che rompe il silenzio