AGR Web

Quotidiano Multimediale


AGR Video on Line
Acilia Nord, i cittadini denunciano lo stato di abbandono del quartiere
Municipio X rivoluzione in arrivo nella raccolta differenziata
Panda Raid 2018 - Da Madrid a Marrakkech con una vecchia Panda del Nonno
Panda Raid 2018 - 400 Panda 4x4 nel deserto del Sahara
GREATPIXEL disegna la App per lo store KIKO più grande (e più tecnologico) al mondo
Tragico incidente sulla Majella. Soccorso Alpino impegnato anche sul Gran Sasso
Don luigi Ciotti - Presidente di Libera -Ci vuole una presenza comune, serve il 'noi'
X Municipio, Forza Italia avanza
X Municipio, sfida tra due donne per la presidenza
X Municipio, il 'manifesto' dell’autonomia di Beatrice Lorenzin
Notizie
Link Utili


 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

  

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI

Regione: Lazio    Sezione: AGR - X Municipio17/11/2017 16.02.00

Don luigi Ciotti - Presidente di Libera -Ci vuole una presenza comune, serve il 'noi'

Un appuntamento per non spegnere i riflettori sul X Municipio di Roma



(AGR) Don Luigi Ciotti presidente di Libera "Siamo qui per esprimere vicinanza ai giornalisti aggrediti e per estendere il pensiero a tutte le vittime, anche a coloro che sono morti per mano delle mafie. Ma anche per far emergere le cose belle che ci sono a Ostia, con tante associazioni e realtà che fanno un grande lavoro". Prosegue  - Don Luigi Ciotti - sulla possibilità  di superare le divisioni sul tema mafia tra forze politiche e perfino tra associazioni: "Ci vuole una presenza comune, serve il 'noi'". "Nessuno ci metta il cappello politico sopra - ha detto Ciotti -. Libera è apartitica e aperta alla collaborazione con tutti".

Giuseppe Giulietti Presidente della Federazione nazionale stampa italiana, "Mai con i mafiosi e mai con i fascisti si può dire in questa piazza, lo prevede la Costituzione. C'è chi sta con la Costituzione e chi fa strage dei suoi valori,  Ostia non è solo clan, ci sono tante donne e uomini che lottano ogni giorno. Chi ha alzato la voce contro le testate è il benvenuto qui, a prescindere dalle sue idee politiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ora non bisogna spegnere i riflettori, a Ostia e altrove, sui cronisti minacciati, dobbiamo dargli una scorta mediatica". Giulietti ha salutato Federica Angeli di Repubblica da anni sotto scorta,  Daniele Piervincenzi, il cronista aggredito e altri giornalisti presenti. In piazza alcune centinaia di persone con Cgil, Cisl e Uil e altre organizzazioni. "La mafia si radica dove lo Stato è assente e si alimenta con omertà e indifferenza - ha detto una studentessa - noi esigiamo una cittadinanza unita nella lotta contro  le mafie e chiediamo che i giornalisti mantengano alta l'attenzione sul nostro territorio". 

"Ostia libera" "Ostia libera! Ostia libera!" è lo slogan intonato in piazza Anco Marzio da un gruppo di pensionati della Spi-Cgil presenti con uno striscione alla manifestazione. 

 



Autore: AGR: EG - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR TV
La TV a Portata di Click